“ANCIENT GREEK SANDALS” the sandals of the Gods…and the Goddesses!!!

Ancient Greek Sandals
You saw them worn by Sarah Jessica Parker, Michelle Williams, Angelina Jolie, Anne Hathaway, Reese Witherspoon, Naomi Watts, Emma Watson, Mila Kunis, Amy Adams, Lily Collins and the list goes on. Hollywood loves them!!!

What are we talking about?

Of course about the most famous sandals in the world: Ancient Greek Sandals.
Behind this brand-phenomenon there are Christina Martini and Nikolas Minoglou.
Christina – which was shoe designer at Balenciaga and Louis Vuitton – is the creative part of the brand and Nikolas – MBA in Entrepreneurship at Boston – the entrepreneurial part: the team-up of the two experiences skyrocketed the brand on the Olympus of the fashion stars.
To think, the two started the brand in Greece at the peak of the Greek crisis…
Ancient Greek Sandals
interview by Valentina De Giorgi
Art Direction by Sakis Lalas

You started ANCIENT GREEK SANDALS in really hard times, but it has had an exponential growth from the start: how did you go about it?

NM: We received an unexpected positive reaction from the market and media since our first season. We launched at the right timing. Our goal from the beginning was to position ourselves outside Greece, so the Greek Crisis did not negatively affect our growth in terms of sales.

The Greek Crisis indirectly helped us facilitate growth as there was excess production capacity in Greece. We were able to support the Greek Economy at a difficult time for the country and we feel very happy about that.

The first buyers’ order in the showroom was stratospheric – 6k pairs of shoes -: how did you manage it?

C.M: When we had finalized the first collection we needed to present it in order to sell it. There were two options, first we could take part in fashion and accessories exhibitions independently or we could find an agent to do the sales for us. We choose the second option, we found Rainbowwave showroom which represents various brands, to represent us internationally.

Our first presentation was in June 2011 where Rainbowwave showed in NY market.

It’s true that for a small new brand from Greece to receive such a big order from the first collection isn’t expected! Our goal for the first presentation of the sandals was to show buyers that we existed, we wanted to see a reaction.

We didn’t expect to get an order from Net-a-Porter or Barney’s!

You’re in the best online and offline shops, but you believed from the beginning in the importance of your own e-shop: what percentage does it represent in annual revenue for the brand?

NM: We created our own online shop from the beginning as we believed that it completed the image of the brand. It represents 20% of total revenue, but it also has an indirect positive effect on our wholesale distribution channel.

You have an impressive string of collaborations – Peter Pilotto, Carven, Marios Schwab, Ilias Lalaounis -: how you managed to keep the brand’s personality in every collaboration?

C.M.: In every collaboration we do there is a reason behind it. With Marios Schwab which was the first collaboration we made high gladiators with raffia fringes for his show. Using our craftsmanship, traditional techniques and leather we created something powerful and sexy that you wouldn’t normally find in our collection.

With Peter Pilotto, who are famous for their amazing prints, we introduced colour and print to our sandals.

With Lalaounis we used their beautiful jewelry to decorate the sandals.

Every time we try to make a collaboration that serves a purpose mixing the DNA of both brands.

Lets talk about the new collaboration, the one with Fabrizio Viti (head shoes style director Louis Vuitton): it’s an explosion of flowers!!!

C.M.: Again with Fabrizio who used to be my boss at LV and he is still the creative director of Footwear for the brand we made sandals inspired by his first personal collection called “please don’t eat the daisies”. We translated his beautiful elaborate flowers into daisies made out with our trademark leather with hand stitching details.

Ancient Greek Sandals

The brand has a very special and rare formula: luxury brand – affordable price – luxury competitors. How do you succeed in maintaining this balance?

C.M.: We don’t see ourselves as a luxury brand although in many shops we stand next to luxury designers brands. It is a fact that we use very good materials with leather coming from Italian tanneries that other big brands supply their leather from. We are trying to make good quality durable sandals in a good price because that was the concept from the start . There was a hole in the market. Now everyone is doing sandals so we need to think ahead of us making interesting collaborations and developing new ideas always maintaining the original concept and balance.

Tell me the story about the flying sandals, they’re a dream…

C.M.: The inspiration for the flying sandals came from the myth of Daedalus and Icarus which was my favorite when I was young. Daedalus was the architect of the Labyrinth where Minotaur lived. After the project was finished king Minos would let Daedalus live the island so he and his son Icarus decided to escape by constructing wings with feathers and wax. They flew off the island but unfortunately Icarus went to close to the sun and the was melted so he fell in the sea next to an island. The island is called Ikaria and so do the sandals.

Hollywood loves you! What is your relationship with celebs and what are the sandals they prefer?

C.M.: It is really amazing to see all these famous women wearing the sandals. In the beginning it just happened! We spotted a photo of Michelle Williams wearing a pair and then many more followed. Sometimes we gift them through our press office and other times I guess them or their stylist buy the sandals.

Each celeb has her own personality and taste so they choose different styles.

Angelina Jolie has been wearing our best seller Eleftheria sandal, a feminine, minimal strappy sandal. Reese Witherspoon and Michelle Obama have worn the Clio, a classic AGS back strap sandal whereas Anne Hathaway chose the Ikaria sandal with the wings. Beyoncé wore a mid gladiator and Rihanna the Marios Schwab fringed gladiator.

You’re Greek, you’ve lived in Paris and due to your work you know Italy well: what do you love more of each of these countries?

C.M.: I also lived in Italy and I immediately felt at home, I learned Italian in two months! I love the warm hearted people and of course the food.

Paris is such a beautiful city to walk around, all the glorious buildings in combination with the river and the light are breathtaking. So many things to see and to do.

According to you, who are the most interesting Greek designers right now?

I love Greek Jewelry designers such as Lito and Yiannis Sergakis. Their designs are so refined, delicate, precious and feminine.

photos courtesy of www.ancient-greek-sandals.com

Ancient Greek Sandals

IT –

Li hai visti ai piedi di Sarah Jessica Parker, Michelle Williams, Angelina Jolie, Anne Hathaway, Reese Witherspoon, Naomi Watts, Emma Watson, Mila Kunis, Amy Adams, Lily Collins e la lista va avanti. Hollywood li ama!!!

Di cosa stiamo parlando?

Ma dei sandali più famosi al mondo: Ancient Greek Sandals.

Dietro a questo brand fenomeno ci sono Christina Martini e Nikolas Minoglou.

Christina – un passato da Balenciaga e Louis Vuitton – è la parte creativa del brand, mentre Nikolas – MBA in Entrepreneurship all’Università di Boston – è quella imprenditoriale: l’unione delle due esperienze ha letteralmente lanciato il brand nell’Olimpo delle star della moda.

E pensare che tutto è cominciato in Grecia proprio nel periodo in cui la crisi economica greca aveva raggiunto il suo apice…

Avete dato vita ad ANCIENT GREEK SANDALS in un periodo veramente difficile, eppure il brand ha avuto una crescita esponenziale sin dall’inizio: come ci siete riusciti?

NM – Anche noi non ce l’aspettavamo: sin dalla nostra prima stagione la reazione del mercato e dei media è stata positiva. Abbiamo scelto il momento giusto per lanciare il nostro brand. Sin dall’inizio la nostra strategia è stata quella di posizionarci fuori dalla Grecia, per cui la crisi greca non ha inciso in maniera negativa sulle vendite.

Anzi, la crisi ci ha aiutati a crescere perché la capacità produttiva del paese in quel momento era in eccesso. Abbiamo aiutato l’economia greca in un momento difficile e ne siamo felici.

Il primo ordine dei buyers in showroom è stato stratosferico – 6 mila paia di scarpe -: come siete riusciti a far fronte a un numero del genere?

C.M. – Una volta realizzata la prima collezione, dovevamo presentarla. Le opzioni erano due: muoverci in maniera indipendente partecipando alle fiere, oppure trovare un agente. Abbiamo optato per la seconda opzione e abbiamo trovato lo showroom multibrand Rainbowwave che ci rappresenta in tutto il mondo.

Rainbowwave ha presentato per la prima volta Ancient Greek Sandals a New York nel giugno 2011. È vero che per un piccolo brand proveniente dalla Grecia ricevere un ordine così grande sin dalla prima collezione è stata una sorpresa! Noi volevamo semplicemente far vedere i sandali ai buyers per testare la loro reazione e dirgli che esistevamo. Non ci aspettavamo certo di ricevere un ordine da Net-a-Porter o Barney’s!

Siete nelle migliori vetrine online e offline, ma avete creduto sin dall’inizio nell’importanza del vostro e-shop: quale percentuale del fatturato annuo del brand rappresenta?

N.M. – Abbiamo creato il nostro online shop sin dal primo momento perché l’immagine del brand sarebbe stata più completa. Rappresenta il 20% del fatturato totale, ma ha anche un effetto positivo indiretto sul nostro canale di distribuzione wholesale.

Avete all’attivo un’impressionante serie di collaborazioni – Peter Pilotto, Carven, Marios Schwab, Ilias Lalaounis -: come siete riusciti a mantenere la personalità del brand in ogni collaborazione?

C.M. – C’è una ragione dietro ogni collaborazione che facciamo. Per esempio, per Marios Schwab – la nostra prima collaborazione – abbiamo realizzato dei gladiators con frange di raffia per il suo show. Utilizzando il lavoro artigianale, le tecniche tradizionali e la pelle – che sono le nostre caratteristiche – abbiamo realizzato dei modelli forti e sexy che normalmente non si trovano nelle nostre collezioni.

Con Peter Pilotto, famoso per le sue bellissime stampe, abbiamo introdotto colore e stampa nei nostri sandali.

Con Lalaounis abbiamo usato i loro bellissimi gioielli per decorare i sandali.

Ogni volta cerchiamo di fare una collaborazione che abbia uno scopo, mixando il DNA di ambedue i brand.

Parliamo della nuova collaborazione, quella con Fabrizio Viti: è un’esplosione di colori!!!

C.M. – Con Fabrizio – che è stato il mio “capo” a Louis Vuitton ed è ancora il direttore creativo del brand per la parte footwear – abbiamo creato dei sandali ispirati alla sua prima collezione personale chiamata “per favore non mangiate le margherite”.

Abbiamo reinterpretato i suoi bellissimi ed elaborati fiori in margherite realizzate con la nostra pelle e impreziosite da dettagli applicati a mano.

Il vostro è un luxury brand, ha un prezzo competitivo, si pone fra luxury competitors: come riuscite a mantenere questo equilibrio?

Non ci consideriamo un brand di lusso, nonostante nei negozi siamo posizionati proprio accanto a brand di lusso. Tutto sta nei materiali che noi usiamo, ottimi materiali: prendiamo la nostra pelle dall’Italia, dalle stesse concerie da cui si riforniscono i grossi brands. Sin dall’inizio la nostra idea è stata quella di fare sandali di ottima qualità e duraturi nel tempo, ma ad un prezzo sostenibile: c’era un buco nel mercato per questo tipo di prodotto. Ora tutti fanno i sandali. Ma noi cerchiamo di essere sempre un passo avanti facendo collaborazioni interessanti e sviluppando nuove idee, cercando sempre di essere fedeli al nostro concept originale.

Raccontami la storia dei flying sandals, sono un sogno…

L’ispirazione per i flying sandals arriva dal mito di Dedalo e Icaro, il mio preferito quand’ero piccola. Dedalo era l’architetto del labirinto del Minotauro. Sapendo che il re Minosse non lo avrebbe mai lasciato andare via dall’isola (di Creta), Dedalo decise di scappare con il figlio Icaro costruendo ali di piume e cera. I due volarono via dall’isola, ma Icaro si avvicinò troppo al sole: le sue ali si sciolsero e lui precipitò in mare vicino ad un’isola. L’isola si chiama Ikaria, come i sandali.

Hollywood vi ama! Qual’è la vostra relazione con le celebrities e quali sono i loro sandali preferiti?

C.M. – E’ straordinario vedere tutte queste donne famose indossare i nostri sandali. È successo tutto per caso! All’inizio abbiamo visto una foto di Michelle Williams che li indossava, poi sono seguite sempre più celebrities. A volte siamo noi a regalare i sandali attraverso il nostro ufficio stampa, ma in genere sono loro stesse o i loro stylist che li comprano.

Ogni celebrity sceglie il suo modello di sandali a seconda del suo gusto e della sua personalità.

Angelina Jolie ha indossato Eleftheria, uno dei nostri modelli best seller, un sandalo femminile e minimal. Reese Whiterspoon e Michelle Obama hanno indossato il Clio, uno dei classici di Ancient Greek Sandals. Anna Hathaway ha scelto il sandalo Ikaria con le ali. Beyoncé ha indossato un mid gladiator mentre Rihanna ha optato per i gladiator con le frange di Marios Schwab.

Sei greca, hai vissuto a Parigi e per lavoro conosci molto bene l’Italia: cos’è che ami di più di ognuno di questi paesi?

C.M. – Ho anche vissuto in Italia e mi sono sentita subito a casa, ho imparato l’italiano in due mesi! Dell’Italia amo il calore delle persone e il cibo, naturalmente.

A Parigi adoro camminare: è una città bellissima, i palazzi imponenti insieme al fiume e alla luce ti lasciano senza fiato. Ci sono tante cose da vedere e da fare.

Quali sono, secondo te, gli stilisti greci più interessanti al momento?

Amo i designers di gioielli greci, come Lito e Yiannis Sergakis. I loro gioielli sono così raffinati, delicati, preziosi e femminili.